AutoMotoRetrò e AutoMotoRacing chiudono con oltre 72.600 visitatori

In Auto storiche, Automobilismo, Motociclismo

Oltre mille espositori ospitati in quattro padiglioni , decine di piloti coinvolti, tremila vetture esposte tra auto e moto e più di un chilometro di pista per emozionare i visitatori nei quattro giorni di Automotoretrò & Automotoracing 2019 a Torino. Tra i festeggiamenti per i compleanni di Abarth, Jaguar, Land Rover e Autobianchi, il pubblico è stato positivamente colpito non solo dai gioielli a due e quattro ruote in vendita nel Padiglione centrale e in esposizione nei numerosi stand dei club storici, ma anche dalle esibizioni di guida sportiva che si sono susseguite nell’area esterna accanto all’Oval e che hanno visto campioni del rally darsi battaglia per conquistare il primo posto della gara di velocità.

Miki Biasion a Automotoretrò

Sono Giandomenico Basso, a bordo di una Hyundai i20 R5, e Silvia Franchini su Peugeot 208 R2B i vincitori del primo Trofeo “La Grande Sfida”, che nel weekend ha emozionato il folto pubblico di Automotoretrò e Automotoracing, le due rassegne dedicate al motorismo d’epoca, al mondo delle corse e delle alte prestazioni che si sono chiuse domenica 3 febbraio con un successo senza precedenti.

Automotoracing, la grande sfida

Sono oltre 72.000 i visitatori accorsi al Lingotto Fiere e all’Oval per ammirare pregiate berline d’epoca e bolidi da rally, le supercar più performanti e moto per ogni tipo di terreno e tracciato. Il doppio appuntamento che unisce il collezionismo vintage e l’anima racing dimostra ancora una volta la sua forte capacità attrattiva, non solo tra gli addetti ai lavori, ma anche per una platea sempre più variegata e proveniente da tutta Italia ed Europa.

I dealer presenti all’edizione 2019 di Automotoretrò & Automotoracing confermano il bilancio positivo anche sul fronte commerciale: sono centinaia le trattative private andate a buon fine nei quattro giorni di fiera. Tra i modelli e i marchi più ricercati dominano le vetture simbolo del Made in Italy – Alfa Romeo, Lancia, Ferrari, Abarth e Maserati -, in particolare di fascia media, tra i 20.000 e i 90.000 euro, con punte che superano i 150.000 euro.

Abarth presente a Automotoretrò

«Siamo molto soddisfatti dell’edizione 2019 – ha dichiarato Beppe Gianoglio, organizzatore di Automotoretrò – e anche se nelle giornate di venerdì e sabato il clima è stato avverso, la grande partecipazione testimonia il fermento e l’interesse in continua crescita verso il mondo dei motori. La nevicata non ha fermato neanche lo show in pista, con le evoluzioni su auto da drifting e quad, né il Trofeo “La Grande Sfida”, accolto calorosamente dal folto pubblico. Da domani inizieremo a lavorare alla rassegna del 2020, che ci auguriamo possa essere ancora migliore».

Guarda le immagini della manifestazione realizzate da Okfoto.it

Automotoracing model

Automotoracing

Abarth

You may also read!

Aperte le iscrizioni al 40° Rally Citta di Modena

Aperte le iscrizioni al 40° Rally Citta di Modena Valido come ultima prova del Campionato Rally di Zona,  oltre

Read More...

24° RALLY ALPI ORIENTALI HISTORIC: IL “MUST” DEI RALLIES STORICI PRONTO A DARE SPETTACOLO CON LO SFONDO DI GEMONA DEL FRIULI

24° RALLY ALPI ORIENTALI HISTORIC: IL “MUST” DEI RALLIES STORICI PRONTO A DARE SPETTACOLO CON LO SFONDO DI GEMONA

Read More...

IL 55° RALLY DEL FRIULI VENEZIA GIULIA PRONTO ALLE SFIDE DEI PROTAGONISTI DEL “TRICOLORE”

IL 55° RALLY DEL FRIULI VENEZIA GIULIA PRONTO ALLE SFIDE DEI PROTAGONISTI DEL “TRICOLORE” Una classifica di Campionato Italiano

Read More...

Mobile Sliding Menu