RALLY CITTA’ DI TORINO 2017 GARA FUNESTATA DA UN GRAVE INCIDENTE E SUBITO SOSPESA aggiornamento con la conferenza stampa

In Automobilismo, Cronaca competizioni, News, News, Rally, Video, Web Tv

COMUNICATO STAMPA UFFICIALE RALLY CITTA’ DI TORINO 2017

RALLY CITTA’ DI TORINO 2017 GARA FUNESTATA DA UN GRAVE INCIDENTE E SUBITO SOSPESA UNA  VETTURA IN GARA ESCE DI STRADA E INVESTE UN BIMBO DI SEI ANNI CHE PERDE LA VITA FERITI IN MODO NON GRAVE I GENITORI E IL PILOTA

Il 32° Rally Città di Torino viene funestato da un grave incidente dove perde la vita un bimbo di sei anni.

E’ successo sulla prova speciale di  Coassolo, terza prova della competizione torinese partita ieri sera da via Roma a Torino.

I concorrenti nella prima mattinata avevano affrontato il parziale del Col del Lys e avevano successivamente scollinato nella Valle di Lanzo dove alle 11.31 aveva preso il via la prova di Coassolo lunga circa sette chilometri.

Alle 11.43 dalla postazione 6 dopo circa un chilometro e duecento metri dallo start veniva segnalata alla direzione gara l’uscita di strada dell’equipaggio numero 12 Cristian Milano e Luca Pieri in gara su una Skoda Fabia Super 2000.

Incidente che coinvolgeva alcune persone del pubblico fra i quali due minori. Venivano immediatamente sospese le partenze dei concorrenti e sul luogo dell’incidente intervenivano le unità di rianimazione con l’equipe medica che giungeva sul posto alle 11.46.

Verificata la gravità dell’accaduto si richiedeva l’intervento dell’unità 118 che inviava sul posto un elicottero dell’elisoccorso che atterrava alle 12.04. Contestualmente giungevano altre unità attrezzate.

Alle 12.40 veniva comunicata la morte di un bambino di sei anni. Per questo motivo la gara veniva immediatamente sospesa.

Alle ore 17 è stata indetta una conferenza stampa presenti l’organizzatore Mario Ghiotti, il direttore di gara Alfredo Delleani e il medico di gara Graziano Madoglio. E’ il direttore di gara Alfredo Delleani a spiegare l’accaduto. “La prova era stata allestita come prevedono i parametri di sicurezza imposti per questa tipologia di gara. Gli apripista e i concorrenti che sono transitati prima della vettura coinvolta non hanno segnalato nulla di anomalo. Tengo a precisare che mediamente ogni 250 metri sul percorso di gara viene garantita la presenza di un ufficiale di gara munito di radio in contatto costante con la direzione gara.”

Delleani  illustrata nei dettagli la dinamica dell’accaduto“Alle 11.42 il concorrente numero 12 prende il via dallo start. Alle 11.43’50” giunge la segnalazione che la vettura ha investito delle persone presenti nella postazione 6 , verrà misurato in seguito che la Skoda Fabia  si è fermata 130 metri dopo la sede stradale.

Vengono sospese le partenze e immediatamente viene dato ordine di entrata all’unità di soccorso che dopo circa un minuto e mezzo è sul luogo dell’incidente.

Risulta subito che fra le persone coinvolte ci sono due minori. A quel punto viene richiesto l’intervento di elicottero e due ulteriori ambulanze.

Al momento non siamo in grado di stabilire le cause dell’accaduto.  “Il pilota conduceva una vettura per la quale viene richiesta una particolare abilitazione che non viene assegnata a livello burocratico a fronte di un versamento amministrativo ma dopo un test obbligatorio al quale deve obbligatoriamente sottoporsi”

Il dottor Graziano Madoglio spiega le condizioni dei superstiti e le modalità dei soccorsi. “I soccorsi sono stati immediati e coordinati da colleghi esperti del 118. Per quanto riguarda il bimbo deceduto, il primo medico rianimatore giunto sul posto  e che ha prestato le prime cure al bimbo deceduto è stato ben cinquanta minuti per cercare di rianimarlo benchè già dai primi momenti le condizioni del piccolo sono sembrate subito  critiche.

Il pilota, ricoverato all’ospedale di Ciriè è stato sottoposto ad esami strumentali approfonditi e ad una visita specialistica per la quale siamo in attesa degli esiti. La maggior preoccupazione riguarda un trauma cranico commotivo che al momento non è spiegato.  “ Anche Mario Ghiotti è scosso per l’accaduto. “ Sono profondamente addolorato e sono vicino alla famiglia del piccolo.

Oggi doveva essere una festa di sport che purtroppo si è trasformata in tragedia. Noi avevamo predisposto tutto l’apparato  secondo i canoni imposti dagli enti competenti. Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose.”

A cura ufficio stampa 32° Rally città di Torino

You may also read!

RALLY VALLI OLTREPÒ: GARA CHE PIACE, NON SI CAMBIA!

RALLY VALLI OLTREPÒ: GARA CHE PIACE, NON SI CAMBIA! Tracciato confermato per la terza edizione del Rally Valli Oltrepò

Read More...

SI ACCENDONO I MOTORI PER L’OTTAVO RALLY IL GRAPPOLO

SI ACCENDONO I MOTORI PER L’OTTAVO RALLY IL GRAPPOLO LA GARA SCATTA DA SAN DAMIANO D’ASTI NEL POMERIGGIO DI SABATO 160

Read More...

I piloti del Ducati Lenovo Team ottengono l’accesso diretto alle Q2 del #CatalanGP.

I piloti del Ducati Lenovo Team ottengono l’accesso diretto alle Q2 del #CatalanGP. Bagnaia è quarto nelle Practice, Bastianini

Read More...

Mobile Sliding Menu