RALLY DEL RUBINETTO il racconto PS X PS

In Automobilismo, Classifiche, classifiche automobilismo, News, Rally

RALLY DEL RUBINETTO il racconto PS X PS

PINZANO IN TESTA AL RALLY DEL RUBINETTO DOPO TRE PROVE

Partenza a razzo per il pilota biellese che alla sua 100° gara, su VW Polo comanda la gara dopo la prima tornata di speciali. Miele e Caffoni inseguono. Attardato Crugnola.

San Maurizio d’Opaglio (NO)- Come ampiamente previsto, la 28° edizione del Rally del Rubinetto è partita all’insegna del maltempo che si è abbattuto sulle provincie di Novara, Vercelli e del VCO.

Se però la pioggia battente è stata “arginata” dai concorrenti con gomme da bagnato, la nebbia non ha avuto avversari e si è calata, fitta, sui dieci chilometri di salita del Mottarone, prova inaugurale dell’edizione 2021.

A destreggiarsi meglio in queste impervie condizioni meteorologiche è stato l’equipaggio biellese formato da Corrado Pinzano e Marco Zegna che su Volkswagen Polo R5 della PA Racing è riuscito ad imporsi nella Ps1 con un buon margine di vantaggio sugli avversari capitanati da Caffoni e Carmellino. Problemi di visibilità hanno causato il ritardo del campione italiano in carica Andrea Crugnola e dell’altro varesino in lizza per il successo, Simone Miele.

Crugnola, con Ometto sulla Hyundai i20 R5 della GB Motors si è riscattato nella Ps2 di Prelo ma Pinzano e Miele hanno saputo rispondere a tono agli attacchi del driver di Calcinate del Pesce. Terza prova e terzo vincitore differente con Simone Miele che insieme a Mario Cerutti ha messo la sua Citroen DS3 Wrc (DreamOne Racing) davanti alle R5 di Caffoni e a Crugnola.

Dopo tre speciali dunque, la graduatoria vede in testa Pinzano-Zegna con il tempo di 19’07”4; secondi Miele e Cerutti a 11”1 e terzi Caffoni-Minazzi (Skoda R5 Balbosca) a 14”2. Quarta piazza provvisoria per Crugnola-Ometto a 20”5 mentre subito alle loro spalle si piazzano i fratelli valsesiani Ivan e Marina Carmellino (Skoda R5 RT) a 23”7.

La prova speciale 1 del Mottarone è stata interrotta due volte. La prima per soccorrere l’equipaggio della vettura numero 74 che a seguito di uscita di strada ha richiesto l’intervento sanitario (nessuna conseguenza rilevante); dopo l’assegnazione del tempo imposto per le vetture dal 78 all’86, la prova è ripresa ma si è nuovamente bloccata a seguito dell’incendio accorso al numero 111. Quando l’equipaggio era già sceso dall’abitacolo, la Peugeot ha preso fuoco bruciando anche parte del sottobosco: per spegnere l’incendio la direzione ha dovuto richiedere l’ingresso dei vigili del fuoco annullando la prova per gli equipaggi che ancora mancavano all’appello.

Pinzano: “Le condizioni sono molto difficili. Sulla Ps1 ci siamo fidati delle note e abbiamo fatto un ottimo tempo. Io amo particolarmente la pioggia e non è un problema. Piuttosto il nostro guaio è stato l’appannamento del parabrezza appena iniziata la Ps3. Quello ci ha fatto perdere secondi preziosi.”

Miele: “Incredibile: le condizioni cambiano da un minuto all’altro. La nebbia sul Mottarone era impressionante; non si vedeva nulla. Peggio è andata sulla Prelo dove c’erano delle pozzanghere che ci hanno causato un paio di aquaplaning; oggi è davvero imprevedibile.”

Crugnola: “Molta nebbia all’inizio: abbiamo faticato parecchio anche perché affrontiamo queste prove per la prima volta. Sulla Ps3 ci si è appannato il parabrezza e la visibilità è stata decisamente scadente.”

Carmellino: “Non male ma poteva andare meglio. Sulle Ps2 ho pizzicato una ruota ed ero convinto di aver forato e così ho decisamente rallentato; solo a fine prova mi sono accorto che invece era tutto ok…”

PINZANO FESTEGGIA QUOTA 100 AL RALLY DEL RUBINETTO

Corrado Pinzano vince il Rally novarese alla sua centesima partecipazione ad un rally; su Polo R5 stacca Caffoni di e Miele. Out Crugnola per un guasto elettrico. In novanta al traguardo dopo una gara tosta e selettiva.

San Maurizio d’Opaglio (NO)- Corrado Pinzano e Marco Zegna sono i vincitori della 28° edizione del Rally del Rubinetto, gara andata in scena oggi, domenica 3 ottobre 2021 ed organizzata dalla Pentathlon Motor Team, dalla New Turbomark e dalla NTT Event.

In una giornata caratterizzata dal forte maltempo che ha messo a dura prova gli equipaggi, le vetture ma anche la direzione gara, il pilota biellese classe ‘85 ha festeggiato al meglio il suo 100° rally vincendo una classifica assoluta ricca di emozioni, a bordo della Volkswagen Polo R5 della bergamasca PA Racing e scudata dalla New Driver’s Team.

Con un tempo totale di 38’50”2, Pinzano e Zegna hanno fatto fruttare al meglio le tre vittorie parziali sulle prove del Mottarone (Ps1 e 4) e sulla Colma accumulando un vantaggio finale di 23”2 su Caffoni e di 40”7 su Miele.

E’ stato un rally difficile e sofferto – ha detto Pinzano- ma io adoro queste condizioni impervie; sapevo che avrei potuto osare con la pioggia e così è stato; ieri allo shake down avevamo delle sensazioni positive che ci hanno indotto a partire subito all’arrembaggio stamane nonostante la nebbia. Celebrare così le 100 gare in carriera è davvero emozionante. Ora spazio alle prossime cento”.

Bravo l’ossolano Davide Caffoni col pellese Max Minazzi, su Skoda Fabia R5 (Balbosca): i due hanno tenuto un ritmo sempre elevato seppur senza mai vincere uno stage. Nell’ultimo crono hanno osato visto il margine esiguo nei confronti di Miele (0”9) avendo meritatamente la meglio.

Terzi appunto Simone Miele e Mario Cerutti su Citroen Ds3 Wrc (DreamOne Racing). Dopo aver pagato dazio nella nebbia iniziale i due vincitori delle passate edizioni si sono riscattati vincendo i due passaggi sulla Colma (Ps3 e Ps6) cedendo però il passo finale a Caffoni.

Così, dopo l’edizione 2015, ancora una volta Pinzano, Caffoni e Miele si ritrovano a condividere il podio del Rubinetto sebbene a ruoli invertiti: sei anni fa vinse Caffoni davanti a Miele e Pinzano.

Quarti assoluti i fratelli di Scopa Ivan e Marina Carmellino, tenaci con la Skoda R5 di Roger Tuning: per la navigatrice valsesiana, prima donna al traguardo, è arrivato il riconoscimento intitolato a Lucia Francioli.

Tra i numerosi ritirati della gara figurano anche Andrea Crugnola e Pietro Ometto su Hyundai i20 R5 GB Motors. Dopo aver vinto la Ps di Prelo, il campione italiano in carica ha dovuto arrendersi per un guasto elettrico quando occupava la quarta posizione assoluta.

Bene Massimo Lombardi, altro biellese su Polo, quinto con Erika Bologna e Margaroli con Dresti, settimi. Patera è settimo con Fenoli su Skoda mentre ottavo uno sbalorditivo Federico Romagnoli affiancato da Lisa Bollito sulla Yaris Gr: il suo quinto assoluto sul Mottarone merita un quadro salotto.

Interruzioni– La gara ha vissuto parecchie interruzioni; nella prima prova la vettura 74 è uscita di strada richiedendo l’intervento dell’ambulanza; dalla numero 78 alla 86 le vetture sono transitate in trasferimento. Poco dopo però la numero 111 è uscita anch’essa dalla sede stradale;  dopo che l’equipaggio, leggermente acciaccato, era uscito dall’abitacolo, il mezzo ha preso fuoco costringendo la direzione gara a fermare le partenze e a far intervenire i Vigili del Fuoco. Dalla 118 in avanti –compresa la 116- le vetture sono transitate in trasferimento.

Nella Ps2 è la 118 che è incappata in un incidente: trasferimento per la  116, 117, 119, 120, 121, 122, 124 e 125. La prova riparte ma anche la 149 è out: viene richiesta l’ambulanza; dalla 152 alla 166 le auto sono transitate in trasferimento.

Sfortunata anche la Ps3 dove la vettura 93 è dapprima uscita di strada e solo successivamente ha richiesto l’intervento dei soccorsi; la direzione gara ha pertanto assegnato temi imposti e trasferimento per tutte le auto dalla 119 in avanti compresa la vettura 116.

Per motivi di sicurezza la prova 5 non è partita.

Albo d’oro Rally del Rubinetto:

1990: Zucchetti/Poletti                 Lancia Delta Int.

1991: Burri/Hoffman C.                 Ford Sierra Cosw.

1992: Burri/Hoffman C.                 Ford Sierra Cosw.

1993:  Annullato Per Calamità Atmosferiche

1994: Uzzeni/Bondesan                Lancia Delta Hf

1995: Zucchetti/Zanella                Toyota Celica

1996: Uzzeni/Bondesan               Ford Escort Cosw.

1997: Uzzeni/Bondesan               Subaru Impreza

1998: Burri/Hoffman C.                Toyota Celica

1999: Pozzi-Foggiato                      Renault Megane Kit

2000: Annullato Per Calamità Atmosferiche

2001: Dissegna/Murgia                 Ford Escort Cosw.

2002: Longhi/Leonardi                  Renault Clio S1600

2003: Longhi/Leonardi                   Renault Clio S1600

2004: Longhi/Leonardi                   Renault Clio S1600

2005: Longhi/Leonardi                   Subaru Impreza N4

2006: Bocchio/Mancini                  Renault Clio S1600

2007: Bocchio/Fenoli                      Renault Clio S1600

2008: Bocchio/Mancini                  Renault Clio S1600

2009: Bocchio/Fenoli                      Renault Clio S1600

2010: Margaroli/Rossi                    Renault Clio R3C

2011: Margaroli/Fatichi                  Peugeot 207 S2000

2012: Bocchio-Mancini                  Peugeot 207 S2000

2015: Caffoni-Minazzi                    Ford Fiesta R5

2016: Caffoni-Minazzi                   Ford Fiesta R5

2017: Miele-Mometti                    Citroen DS3 Wrc

2018: Miele-Mometti                    Ford Fiesta  Wrc

2019: Miele-Mometti                    Citroen DS3 Wrc

2020: Miele-Cerutti                        Citroen DS3 Wrc

2021: Pinzano-Zegna               Volkswagen Polo R5

Tutte le classifiche si trovano su www.rallydelrubinetto.com

You may also read!

Ice Challenge 2022 cambia volto

Ice Challenge 2022 cambia volto per la straordinaria stagione 2022 02.12.2021 – Una nuova identità, un nuovo logo, una nuova

Read More...

AL RALLY CIRCUIT BY VEDOVATI AL VIA IN 108!

AL RALLY CIRCUIT BY VEDOVATI CORSE SARANNO IN 108! Superata quota cento per la corsa in circuito che si terrà

Read More...

10° Memory Fornaca il finale le classifiche

Il 10° Memory Fornaca lo vincono Salvini e Tagliaferri Al termine della 7^ edizione de La Grande Corsa, a Chieri

Read More...

Mobile Sliding Menu