24MX SERIES: ASSOLUTI -CAVAGLIA’ – REPORT TIME SABATO

In Enduro / Motorally, Motociclismo, Motocross, News, News motoristiche

ASSOLUTI -CAVAGLIA’ – REPORT TIME SABATO

Chiusa la prima manche- Steve Holcombe (Honda) pilota più veloce di giornata

Day one report time: i piloti, riuniti da tutta Italia (ed Europa) hanno dato uno spettacolo incredibile in questa prima giornata di Assoluti d’Italia 2024 firmata 24Mx, accolti nella tranquillità di Cavaglià, nei pressi di Biella. Il maltempo dei giorni precedenti ha costretto ad apportare alcune riduzioni nelle prove speciali, ma l’emozione per questa giornata di gara è rimasta ai massimi livelli. Il Motoclub Azeglio, con la supervisione del suo presidente Sig. Pattono Germano Oreste, ha lavorato senza sosta, nonostante le avversità, per il corretto svolgimento della gara e delle tre prove speciali previste e a loro va un grande plauso per la serietà e per il duro lavoro. Quanto alle prove, i partenti si sono trovati davanti alla 24Mx Enduro Test di 6 minuti e mezzo circa, alla Bardahl Extreme Test di un minuto e al RedMoto Cross Test, già terreno di sfida del super test del giorno prima, prova poi annullata sul finale per poter essere preservata in vista della seconda manche della domenica.

Tutti abbiamo aspettato il confronto Freeman-Garcia, visti i risultati del prologo, ma il pilota inglese, per motivi ancora ignoti, non è partito. Uno scontro incredibile c’è comunque stato, cioè quello tra Steve Holcombe (Honda), Andrea Verona (Gas Gas) e Samuele Bernardini (Honda) per il titolo di pilota più veloce della giornata: è il pilota italiano Honda a tirare le fila dell’Assoluta nelle prime due prove, ma il pilota inglese gli si para davanti e lascia al secondo posto il rivale. Adesso la sfida è con Verona nella Enduro Test 2: ottimo tempo per il pilota Gas Gas, che procede al sorpasso. I giri procedono con Holcombe in testa, seguito da Verona al secondo posto e Bernardini al terzo. Tutti e tre procedono col fiato sul collo dell’altro, un errore potrebbe risultare fatale. Fine quarto giro, ecco Nathan Watson (Beta) che prende il posto di Bernardini nella top tre. E si conclude la prima manche: Holcombe difende la prima posizione, portandosi a quasi trenta secondi di vantaggio su Verona, al secondo posto. Terzo posto, appunto, per Watson, anche lui troppo distante per tentare il sorpasso.

Combattutissima la situazione nella classe 125. Manuel Verzeroli (KTM) cerca di accumulare secondi per potersi distaccare dai rivali, che nel frattempo ingaggiano una battaglia senza sosta per aggiudicarsi un posto sul podio. Il primo giro vede Corsi sbaragliare via Alberto Elgari (TM) dal secondo posto, ma il pilota TM non ci sta e studia il recupero. Scardina si intromette e riesce il sorpasso, insieme a Elgari a seguirlo, su Corsi che finisce al quarto posto. La situazione apparentemente stabile viene ribaltata nel quarto giro con Elgari che, come uno squalo, raggiunge silenzioso prima il secondo posto, poi a strappare via il trono a Verzeroli che scende sul gradino inferiore della classifica e, infine, a mettersi al sicuro da qualsiasi tentativo recupero. Nel frattempo è Luca Colorio (Husqvarna) a salire in terza posizione. La gara si conclude quindi con Elgari davanti a Verzeroli e Colorio.

Situazione più stabile nella 250 2T. Lorenzo Macoritto (TM), al secondo posto per tutto il primo giro, riesce a portarsi in vantaggio su Gian Luca Martini (Gas Gas). CI troviamo a metà del terzo giro: Martini è costretto al ritiro, Carlo Minot (Beta) si porta al secondo posto con la Enduro Test, seguito da un Maurizio Micheluz (Husqvarna) troppo distante per il sorpasso. Alla fine la giornata si conclude con Macoritto che tiene stretto a sé il primo posto, seguito da Minot e Micheluz.

Il duello incalzante della classe 300 porta i nomi di Mirko Ciani (Beta) e Giulio Nava (KTM): spallate continue, prova dopo prova, nel quale i due si alternano terzo e quarto posto senza minimo riposo. Alla fine è il pilota Beta a portarsi sul terzo gradino del podio della giornata. Nel frattempo Matteo Cavallo (TM) e Morgan Lesiardo (Husqvarn), troppo distanti per essere coinvolti nella sfida, chiudono la giornata rispettivamente al primo e al secondo posto.

Nella classe 250 4T è Thomas Oldrati (Honda) a tirare le fila della classifica, dominando senza particolari problemi tutte le prove speciali. Dietro di lui è in corso il combattimento tra Rudy Moroni (Hond) e Davide Soreca (Kawasaki) per contendersi il secondo posto. A decidere le loro sorti è stato il primo cross test, con il pilota Kawasaki che si mette definitivamente in salvo dal rivale. A questo punto Moroni deve fare i conti con Jacopo Traini (Husqvarna) in cerca di recupero. La classifica si fa definitiva con il terzo giro: Moroni incalza su Traini e si porta in top tre, riuscendo a difendere fino alla fine il terzo posto.

La classifica nella 450 è breve: Andrea Verona (Gas Gas), partito al secondo posto, gira il gas e sorpassa Samuele Bernardini (Honda) ad inizio secondo giro. Matteo Pavoni (Husqvarna), al terzo posto, li segue ma la distanza dai due non gli permette di tenare la svolta.

Giornata imprevedibile nella classe Junior. Kevin Cristino (Fantic) parte al primo posto e si porta in vantaggio. Nel frattempo Manolo Morettini (Honda) e Enrico Rinaldi (Gas Gas) ingaggiano sfida: Rinaldi passa in vantaggio, Morettini gli sta alle calcagna ma senza riuscire nel sorpasso. Rinaldi incalza anche su Cristino, ma il pilota Gas Gas è in seguito costretto al ritiro. Cristino torna nuovamente in testa, seguito da Morettini e Riccardo Fabris (Husqvarna).

Anche la classe stranieri ha fatto scintille. Steve Holcombe (Honda) passa subito in vantaggio e si porta lontano dai rivali in gara. Josep Garcia (KTM) passa in vantaggio su Nathan Watson (Beta) nella seconda prova, ma il pilota inglese non si dà per vinto. Terzo giro: Watson dà quel colpo di gas in più e si porta avanti a Garcia. Rimasto alle spalle del pilota inglese, lo spagnolo è costretto al ritiro verso la fine. A questo punto è Hamish Macdonald (Sherco) a prendere il suo posto. La giornata si chiude con Holcombe in cima alla classifica, Watson secondo e Macdonald terzo.

Quanto alle classifiche della Coppa Italia, i primi posti di ogni classe sono stati

Cadetti: Marconato Sunny (Sherco)

Femminile: Frencesca Nocera (Honda)

Junior: Francesco Giusti (Beta)

Senior: Loris Gailland (KTM)

Major: Paolo Demichelis (Beta)

Veteran: Alessandro Dario (Betamotor)

Nella Coppa FMI è stato Gabriele Melchiorri (TM) a conquistare la vittoria nella classe 2 Tempi, mentre nella 4 Tempi il protagonista è stato Alessio Merelli (Honda).

You may also read!

Quinto posto per Bastianini ed il Ducati Lenovo Team

Quinto posto per Bastianini ed il Ducati Lenovo Team nella sprint race del #CatalanGP. Vittoria sfumata per Bagnaia all’ultimo

Read More...

Di Simone Faggioli il miglior tempo nelle prove della Verzegnis-Sella Chianzutan

Di Simone Faggioli il miglior tempo nelle prove della Verzegnis-Sella Chianzutan Con il crono di 2’43’’46 il tredici volte campione europeo

Read More...

Presentato il 12° Valsugana Historic Rally

Presentato il 12° Valsugana Historic Rally Foto di Gianni Abolis Alla presenza di autorità e media Manghen Team e Team Bassano

Read More...

Mobile Sliding Menu