Fiat Panda si fa in quattro: 4×4, Trekking, Natural Power ed EasyPower

La terza generazione di Fiat Panda amplia la sua gamma con quattro importanti novità: le versioni 4×4, Trekking, Natural Power e EasyPower. Ciascuna con caratteristiche estetiche e meccaniche distintive, le quattro declinazioni arricchiscono l’offerta più ampia e versatile della categoria che oggi annovera 6 motorizzazioni, 3 trazioni, 3 trasmissioni, 5 allestimenti, 12 colori di carrozzeria, 13 ambienti interni e 7 stili di cerchi diversi per oltre 850 combinazioni possibili.

Simpatica, versatile, informale, utile e generosa. Così è Panda, ” esageratamente Panda”. Infatti, dietro ad un’aria spigliata e disinvolta si celano contenuti tecnologici all’avanguardia tanto che il modello non ha concorrenti nel suo segmento: infatti, è l’unico vero 4×4 ‘tascabile’, l’unica city-car a metano del mercato, l’unica ad offrire il Traction+. Del resto, è nel DNA di Fiat proporre vetture contraddistinte da design innovativo, tecnologia avanzata resa accessibile a tutti e soluzioni intelligenti che semplificano e migliorano la vita a bordo.

Pur mantenendo la sua identità di vettura di dimensioni compatte, Fiat Panda è un modello trasversale capace di soddisfare molteplici esigenze di utilizzo. C’ è chi la sceglie per usarla in città ma anche chi la vuole accanto come ‘compagna di viaggi’ tanto nelle gite fuori porta quanto nelle esplorazioni più estreme. Piace alle famiglie perché vanta uno straordinario spazio modulabile e il bagagliaio più grande della categoria. La desiderano i giovani sempre più attenti al rispetto ambientale e alla mobilità sostenibile. La preferiscono i clienti che non vogliono rinunciare alle dotazioni, al comfort e alla sicurezza di un segmento superiore ma che vogliono tutto questo in una vettura compatta a 5 porte e 5 posti, agile nel traffico cittadino e facile da parcheggiare anche grazie al servosterzo elettrico Dualdrive con funzione “City”. Per ciascuno di loro c’è una versione specifica del modello, tutti possono aprire il ‘coltellino multiuso Panda’ e scegliere lo strumento più adatto alle proprie esigenze di mobilità.

Lanciata all’inizio del 2012, la nuova Panda è la coerente evoluzione di un’invenzione che in 31 anni di vita è sempre stata sinonimo di simpatia, semplicità d’uso e versatilità. Panda è tutto questo e qualcosa di più: un vero e proprio brand ricco di valenze razionali ed emotive, una vettura che è stata prodotta in oltre 6,5 milioni unità e ha saputo conquistare milioni di automobilisti diversi tra loro per gusti, età, nazionalità ed estrazione sociale. Un best seller che ha segnato importanti primati nella categoria contribuendo in modo significativo all’indiscussa leadership di Fiat in questo segmento. Per esempio, è stata la prima compatta (con una lunghezza inferiore a 4 metri) e di grandi volumi a introdurre una motorizzazione diesel (1986) E sempre in questa categoria, è stata la prima a proporre sia la trazione integrale (1983) sia ad offrire una gamma motori attenta all’ambiente e ai consumi (nel 1990 è stata commercializzata la Panda Elettra, una delle prime vetture elettriche).

Inoltre, con la seconda generazione di Panda lanciata nel 2003, il modello conquista il prestigioso “Car of The Year 2004″ che, per la prima volta, venne assegnato ad una vettura di questo segmento. Ma i record continuano: nel 2004 due Panda 4×4 sono protagoniste di un avventuroso test drive iniziato a Kathmandu (Nepal) e conclusosi al campo base avanzato dell’Everest: era la prima volta che un piccolo “off-road” raggiungeva questa base ad un’altitudine di 5.200 metri. Un’impresa ancora più straordinaria se si considera che le due vetture erano state preparate solo con alcune modifiche alla calibrazione della centralina controllo motore per adeguarle alla benzina locale.

Arriviamo così all’inizio di quest’anno quando viene lanciata la terza generazione di Fiat Panda, un modello che giunge alla piena maturità compiendo un ulteriore salto qualitativo in tema di spazio, comfort, funzionalità, tecnologia e dotazioni di sicurezza. Il tutto reso ancora più interessante oggi dall’ampliamento della gamma con le versioni 4×4, Trekking, Natural Power e EasyPower che contribuiranno a consolidare la sua leadership nel segmento A in Europa.

Panda 4×4, l’unica ‘citycar 4×4′ del mercato

La Fiat Panda 4×4 è l’unico modello a trazione integrale del segmento A. Erede di un best seller che fece la sua prima apparizione 29 anni fa affermandosi come la più piccola e intrigante “esploratrice” della categoria, oggi la nuova Panda a trazione integrale si conferma una vettura “tuttofare” pronta ad affrontare con la stessa disinvoltura mulattiere di montagna e “giungla” urbana. Oltre a una dotazione di serie capace di soddisfare il più esigente dei clienti, dal punto di vista tecnico, la nuova Panda 4×4 migliora ancora una volta se stessa e si dimostra una degna concorrente di vetture off-road dalle dimensioni (e dal prezzo) ben più importanti.

Proposto a cinque porte, il modello misura 368 centimetri di lunghezza, 167 di larghezza e 160 di altezza. Il passo è di 230 cm mentre la carreggiata anteriore è di 141 centimetri e quella posteriore è di 140. Caratterizzata da marcate linee geometriche dei paraurti anteriori e posteriori, completi di riporti estetici color alluminio a sottolineare la presenza della protezione metallica sotto-scocca, la nuova Panda 4×4 può ‘vestire’ due inediti colori di carrozzeria: l’arancio Sicilia (pastello) e il verde Toscana (metallizzato). All’interno, rispetto alle versioni 4×2, spiccano alcune novità come una nuova variante verde per la fascia che incornicia strumentazione e tascone porta-oggetti, i sedili in tessuto dal design specifico in tre tinte (verde, sabbia, zucca) arricchiti da dettagli in eco-pelle e un ulteriore vano porta-oggetti in aggiunta ai 14 già presenti sulle versioni 4×2.

Panda 4×4 è una vettura dalla spiccata personalità che saprà conquistare clienti esigenti, amanti dell’avventura e della vita all’aria aperta. Per loro la nuova versione adotta un sistema di trasmissione “Torque on demand” che entra in funzione automaticamente quando occorre, permettendo di superare con disinvoltura qualunque situazione. Inoltre, Panda 4×4 propone di serie il sistema ESC (Electronic Stability Control) completo di funzione ELD (Electronic Locking Differential), un ulteriore ausilio alla guida e allo spunto in partenza su percorsi a scarsa aderenza (neve, ghiaccio, fango ecc.).

In più la Panda 4×4 dispone anche di tutte quelle caratteristiche dinamiche e di comfort che le consentono di superare comodamente percorsi lunghi e impegnativi grazie soprattutto allo schema delle sospensioni rinnovate – a ruote indipendenti di tipo Mc Pherson per l’anteriore, a ruote interconnesse tramite ponte torcente al posteriore – e al cambio a 6 marce con prima accorciata, in abbinamento al motore TwinAir Turbo, che accentua le doti off-road del modello garantendo un eccellente spunto nelle partenze in salita. Infine, contribuiscono alla massima aderenza su ogni superficie l’adozione di pneumatici specifici 175/65 R15 84T M+S.

Fiat Panda 4×4 è disponibile con due motorizzazioni, entrambe dotate di Start&Stop: il nuovo 0.9 TwinAir Turbo da 85 CV e il diesel 1.3 Multijet II da 75 CV. Rispetto al 1.2 Fire della precedente generazione, il TwinAir Turbo propone un incremento del 40% della coppia che, unita al cambio specifico a 6 marce con prima accorciata, garantisce un netto miglioramento delle capacità di partenza in salita, della qualità dello spunto, dell’elasticità e della ripresa. Un analogo miglioramento è percepibile sulla motorizzazione Multijet II grazie all’aumento della coppia del 30%.

Ricchissima la dotazione di serie che include sistema ESC completo di ELD, climatizzatore manuale, radio CD/MP3, cerchi in lega bruniti da 15″, pneumatici 175/65 R15 M+S, retrovisori elettrici, chiusura centralizzata con telecomando a distanza e poggiatesta posteriori. Inoltre, tra i numerosi optional e accessori disponibili, si segnalano l’innovativo “City Brake Control”, il sedile posteriore scorrevole e il Blue&Me TomTom2 LIVE”.

Panda Trekking, il nuovo ‘City Utility Vehicle’ di Fiat

Trait d’union tra la versione 4×2 e quella 4×4, Fiat Panda Trekking è il primo CUV (City Utility Vehicle) a 5 porte del segmento che propone un look off-road abbinato ad una trazione anteriore intelligente grazie alla tecnologia “Traction+”, l’innovativo sistema di controllo della trazione che incrementa la motricità del veicolo su terreni a scarsa aderenza garantendo ottime performance di disimpegno in partenza.

Offerto di serie con le motorizzazioni 0.9 TwinAir Turbo da 85 CV e 1.3 Multijet II da 75 C, il sistema “Traction+” è in perfetta sintonia con il concept di Panda: una vettura con la quale puoi fare tutto ciò che più ti piace.

Dunque, la nuova vettura è la risposta ideale per chi usa prevalentemente l’auto in città e desidera affrontare, in tutta sicurezza, fondi a scarsa aderenza durante le sue attività outdoor. Il tutto senza rinunciare allo spazio e alla versatilità proprie di un SUV compatto nelle dimensioni esterne ma sorprendente per il grande volume interno. Inoltre, l’abitacolo vanta una grande flessibilità – merito soprattutto delle numerose regolazioni dei sedili – e un’ottima visibilità e dominio della strada grazie alle ampie superfici vetrate, alla posizione di guida alta e alla leva del cambio posta al centro della plancia.

Dal punto di vista stilistico, esterni ed interni, la nuova Panda Trekking è perfettamente allineata alla versione 4×4: le uniche differenze sono il trattamento estetico dei cerchi in lega (in alluminio invece che bruniti) e l’assenza dello skid plate silver.

Le motorizzazioni disponibili sono tre: 0.9 TwinAir Turbo da 85 CV, TwinAir Turbo Natural Power da 80 CV e 1.3 Multijet II da 75 CV.

Panda Metano e GPL: si amplia la gamma ‘ecologica’ di Fiat

Da sempre Fiat è in prima fila nella ricerca di soluzioni innovative per il contenimento delle emissioni inquinanti e del livello di CO2. Per raggiungere questo importante traguardo il Gruppo Fiat propone soluzioni concrete che sono alla portata di tutti e sono disponibili oggi. In particolare, Fiat è l’unico costruttore europeo a proporre un’ampia e articolata gamma di vetture e veicoli commerciali a doppia alimentazione GPL/benzina (linea EasyPower) e metano/benzina (linea Natural Power).

In questo contesto s’inseriscono le nuove versioni Natural Power ed EasyPower di Fiat Panda che, come tutte le vetture Fiat a metano o GPL, sono di primo impianto (OEM), quindi prodotte in fabbrica, garantite dal brand stesso e commercializzate attraverso la normale rete di vendita. In questo modo, il cliente può essere certo del rispetto delle normative di sicurezza, della massima qualità e affidabilità, oltre ai minori costi di gestione e all’impiego delle tecnologie più avanzate in questo campo.

Dunque, le due versioni ‘alternative’ del modello Panda ampliano una gamma “ecologica” unica in Europa che ha certamente contribuito in modo significativo ai primati assegnati dagli ultimi studi della società JATO, leader mondiale per la consulenza e ricerca nel campo automotive. Infatti, per il quinto anno consecutivo, Fiat è il brand con il livello più basso di emissioni di CO2 delle vetture vendute in Europa nel 2011, con un valore medio di 118,2 g/km (4,9 g/km in meno rispetto alla media del 2010). E gli 86 g/km di CO2 di Panda TwinAir “Natural Power” sono uno dei valori più bassi dell’intero mercato. Senza contare che dal 1997 ad oggi sono state vendute circa 500.000 unità, tra vetture e veicoli commerciali, appartenenti alla gamma Fiat Natural Power.

Panda Natural Power, spendere meno divertendosi

Equipaggiata con il primo ‘due cilindri’ a metano del mercato, la Fiat Panda TwinAir Turbo Natural Power coniuga in un unico prodotto i vantaggi economici ed ecologici dell’alimentazione a metano con la potenza e il divertimento di guida assicurati dal propulsore Turbo TwinAir.

Disponibile nelle configurazioni a 4 o 5 posti e negli allestimenti Pop, Easy e Lounge, oltre che sulla nuova Trekking, la Fiat Panda Natural Power è la prima vettura al mondo ad essere equipaggiata con un piccolo motore bicilindrico turbocompresso, alimentato a metano/benzina, pieno di brio, con un’elevata potenza specifica, coppia e che concilia in maniera perfetta la riduzione dei consumi e il divertimento di guida.

Equipaggiata con il 0.9 TwinAir Turbo Natural Power da 80 CV, la nuova Panda assicura ridotti livelli di CO2 (86 g/km) e consumi contenuti (3,1 kg/100 km sul ciclo combinato di omologazione) con l’alimentazione a metano. In particolare, il dato sulle emissioni è un record assoluto tra le vetture del Gruppo Fiat ed uno dei valori più bassi dell’intero mercato. Eccellente anche l’autonomia che, a fronte di un miglioramento delle prestazioni del 30%, è aumentata di circa il 10% se confrontata con la Panda Classic 1.4 Natural Power.

Dal punto di vista economico, l’alimentazione metano assicura o costi chilometrici di percorrenza di gran lunga inferiori rispetto alle versioni benzina, tanto che è possibile coprire con la medesima spesa il doppio dei chilometri. Un esempio? In Italia, con 10 euro di metano la Panda TwinAir Natural Power percorre fino a 340 km.

Panda EasyPower: risparmiare non è mai stato così facile

La nuova Panda EasyPower è la versione a doppia alimentazione (GPL/benzina) che amplia la gamma di un modello da sempre attento alle reali esigenze dei clienti. Disponibile negli allestimenti Pop, Easy e Lounge, la nuova versione è una soluzione intelligente soprattutto in un periodo in cui il prezzo di benzina e gasolio aumenta costantemente. Del resto, il GPL è un combustibile “pulito” ed economico, oltre ad essere una fonte di energia largamente disponibile in Italia. Dunque, con la nuova Panda EasyPower si risparmia sia al momento dell’acquisto sia nell’uso quotidiano.

Equipaggiata con 1.2 da 69 CV Bi-fuel, la nuova Panda EasyPower assicura ridotti livelli di CO2 (107 g/km) e consumi contenuti (6,6 litri/100 km nel ciclo combinato). Inoltre, grazie al doppio serbatoio, la vettura vanta un’ottima autonomia complessiva: mantiene invariata quella a benzina utilizzando lo stesso serbatoio della versione standard, ed aggiunge l’autonomia a GPL che può superare i 350 km nel ciclo extraurbano.

Panda: una storia di successo e primati che dura da 31 anni

Il modello “Panda” è un patrimonio di casa Fiat che nella storia dell’automobile ha rappresentato un modo nuovo e inconfondibile di intendere il quotidiano rapporto con l’auto: più immediato, più disinvolto, più facile. Ecco perché, con il tempo, il nome Panda è diventato un brand ricco di valenze emotive, al quale gli automobilisti italiani ed europei sono sempre stati profondamente legati.

La Panda entra nella storia dell’automobile nel 1980, quando Fiat presenta al Salone di Ginevra il primo modello, frutto di un lavoro di ricerca iniziato nel 1976. Con Panda nasce un’idea che ha generato un altro modo di vivere l’auto: un’idea semplice, democratica, divertente e al tempo stesso rivoluzionaria per le sue soluzioni intuitive e geniali. È la prima generazione di una delle più apprezzate city-car d’Europa che non smette mai di  stupire. In tre anni si arricchisce della versione con tetto apribile in tela e quella a quattro ruote motrici. È il 1983 quando debutta la Panda 4×4, la prima vettura a trazione integrale della categoria. Inizia così a girare il mondo affrontando raid che confermano la sua grande resistenza e la sua totale affidabilità. Ad esempio, nel 1985, oltre 50 Panda 4×4 prendono parte al raid africano Roma-Tunisi-Abidjan. Due anni dopo è la volta del “Safariland” australiano e nell’89 le piccole Fiat a trazione integrale accompagnano l’Itala nella riedizione dello storico viaggio Pechino-Parigi: 22 mila chilometri attraverso undici Paesi.

Mentre il più piccolo fuoristrada del mercato gira il mondo, il modello Panda si rinnova con la seconda serie della prima generazione che, nel 1986, porta al debutto i nuovi propulsori FIRE 769 cc e 999 cc da 34 cavalli e 45 cavalli, oltre alla sua prima motorizzazione diesel. Ciò che non muta è l’amore del cliente verso questa vettura. Nel 1990 la gamma si evolve arricchendosi dell’avveniristica Panda Elettra, prima versione con motore elettrico. La Panda di prima generazione è prodotta fino al 2003, restando fino all’ultimo minuto nei primissimi posti delle classifiche di acquisto delle utilitarie.

Erede di un best-seller affermato, quindi, nel settembre 2003 debutta la seconda generazione di Panda che ripropone non solo il nome ma anche lo spirito del modello interpretando, in chiave contemporanea, i valori di prodotto e di personalità che nell’immaginario collettivo ne hanno fatto una vera e propria icona. Abbandona la carrozzeria a tre porte e cresce di 13 centimetri di lunghezza e di una decina in larghezza per adottare un comodissimo schema da monovolume a cinque porte. Ed è subito successo. Prima vettura di questo segmento a fregiarsi del prestigioso titolo “Car of The Year 2004″, il modello diventa una vera e propria “piattaforma” sulla quale Fiat ha creato un’intera famiglia di automobili con tecnologia e cura del dettaglio da categoria superiore.

Nel 2004 viene presentata la Panda 4×4 che, fin dalle prime fasi di sviluppo, è stata messa alla prova ai quattro angoli della Terra per valutarne robustezza, carattere e comportamento su strada, soprattutto in situazioni stradali e condizioni climatiche spesso al limite: a Nord, sulle piste ghiacciate della fredda Lapponia dove la temperatura scende a 40 gradi sotto zero; a Sud, sotto il sole torrido del Sud Africa dove l’oceano Atlantico si congiunge con l’oceano Indiano; a Ovest, lungo le irte salite della Sierra Nevada, in Spagna; a Est, infine, alle pendici del maestoso ed eterno Everest. In totale la Panda 4×4 ha percorso oltre un milione di chilometri prima di essere prodotta.

Dal 2012 tocca alla terza generazione di Fiat Panda raccogliere il testimone e proseguire questo cammino iniziato 31 anni fa sulle strade del mondo. E lo stesso spirito delle precedenti versioni integrali, anima la nuova Panda 4×4 nata per affrontare con dinamismo e libertà qualunque situazione, anche quelle più estreme.