L’INTERNATIONAL RALLY CUP HA PREMIATO I SUOI CAMPIONI 2010, NELLA SERATA DI SABATO 18 DICEMBRE, PRESSO IL CIOCCO HOTELS E RESORT. ALLA PRESENZA DI PAOLO ANDREUCCI E ANNA ANDREUSSI, CAMPIONI ITALIANO RALLY CON LA PEUGEOT 207 S2000

In Rally

L’INTERNATIONAL RALLY CUP HA PREMIATO I SUOI CAMPIONI 2010, NELLA SERATA DI SABATO 18 DICEMBRE, PRESSO IL CIOCCO HOTELS E RESORT. ALLA PRESENZA DI PAOLO ANDREUCCI E ANNA ANDREUSSI, CAMPIONI ITALIANO RALLY CON LA PEUGEOT 207 S2000, SONO STATI FESTEGGIATI TUTTI I VINCITORI, CON LA CONSEGNA DI TROFEI E DEL RICCO MONTEPREMI.

Il Ciocco (Lu). Una serata scoppiettante e di festa ha fatto da cornice alla premiazione annuale dell’International Rally Cup che, nel prestigioso Auditorium di Ciocco Hotels e Resort, ha celebrato tutti i campioni 2010.

Un evento molto atteso, come testimonia la massiccia presenza degli invitati, che hanno sfidato le condizioni climatiche proibitive, causate dalla nevicata che ha paralizzato mezza Italia, pur di essere alla serata.

Alla presenza di Paolo Andreucci e Anna Andreussi, campioni italiani rally 2010 con la Peugeot 207 S2000, che hanno simpaticamente partecipato alla consegna dei premi, i vincitori e i protagonisti di una stagione Irc 2010, coronata da successo organizzativo e di adesioni di equipaggi alle gare, hanno ritirato i trofei e i ricchi premi in palio.

TUTTI I CAMPIONI IRC 2010

ASSOLUTA

Il vicentino Manuel Sossella, con la Subaru Impreza S14 Wrc, ha messo in chiaro fin dalla prima gara le sue intenzioni, che ha poi confermato con  quattro vittorie sulle sei gare in calendario, e la vittoria del titolo Irc 2010 mai in discussione. Unico della concorrenza a tenere duro fino alla fine è stato Devid Oldrati, che ha visto premiare la sua costanza di buoni risultati, con la Citroen Xsara Wrc, dal secondo posto assoluto finale. Il  terzo gradino del podio finale Irc è con pieno merito andato a Stefano Capelli, con la Peugeot 207 Super 2000, primo dei piloti non “armato” di Wolrd Rally Car e sempre tra i primissimi nelle sin gole gare della serie.

Capitolo a parte merita Robert Kubica. Il campione di Formula 1, pur non iscritto all’Irc, ha partecipato, dato lustro ed esaltato con le sue strabilianti prestazioni al volante della Renault Clio Super 1600, con la quale ha preso parte al rally del Taro (8° assoluto e primo tra le S1600) e al Maremma (3° assoluto e primo tra le S1600).

CLASSE SUPER 2000

Stefano Capelli, bergamasco, ha dominato la classe Super 2000, dopo che nel 2009 si era aggiudicato il titolo Super 1600. Quattro vittorie e due secondi posti sono il suo ruolino di marcia. Il suo concittadino Andrea Cortinovis, “terraiolo” convertito all’asfalto, ha chiuso la serie in bellezza, con le due vittorie al Prealpi Trevigiane e al Maremma, dove ha conquistato anche l’assoluta, ma alcuni errori, con ritiro, nella prima parte di stagione hanno penalizzato la sua classifica Irc.

CLASSE N4/R3T escluse Peugeot/R3D/FN4

Al rally Trofeo Maremma si sono decisi sia il titolo Irc che il Castrol Evo Cup, la serie ufficiale Mitsubishi. Nel campionato Irc ha vinto il reggiano Marco Belli, già campione nel 2007, quest’anno con la Mitsubishi Lancer Evo X. Il trentino Daniele Tabarelli, con la versione Evo IX, è stato un valido avversario ma danneggiato dai due ritiri al Casentino e al Valli Cuneesi. Il romano Max Rendina ha invece primeggiato nella Castrol Evo Cup, suo obiettivo stagionale, con la terza piazza finale Irc.

CLASSE R3C

Il pordenonese Marco Zannier alla fine si è aggiudicato sia il titolo Irc di categoria che il Trofeo Renault Clio R3C, confermando le buone cose già fatte vedere nella sua ancor giovane carriera. Il rivale più agguerrito è stato l’aretino Luigi Caneschi, in lotta serrata con Zannier fino alla uscita di strada al Valli Cuneesi. Le due ultime gare sono servite a Caneschi per risalire al secondo posto finale Irc, precedendo i due piemontesi Fulvio Morra e Alberto Capello. In questa classe ha gareggiato la pistoiese Paola Fedi, tornata campionessa femminile Irc.

CLASSE R3T PEUGEOT

Duello per la vittoria finale nel Trofeo Peugeot Irc  “made in Piacenza”, con Gabriele Cogni che ha preceduto di un soffio Andrea Carella, rivelazione del Trofeo Peugeot Competition Top. Cogni avrebbe voluto una vittoria di classe, più volte sfiorata, e sfuggitagli al Maremma per un tempo imposto penalizzante. Carella invece ha vinto nei cinque appuntamenti in cui è stato presente. Il toscano Francesco Paolini, autore di un positivo inizio stagione, ha concluso meno brillantemente.

CLASSE SUPER 1600/A7/FA7

Massimo Lombardi voleva fortemente il titolo che inseguiva dal 2008. Con la Renault Clio Super 1600 il comasco ha vinto subito al rally del Taro e all’Abeti, e con i tre successivi secondi posti ha messo in bacheca la corona di categoria. A fasi alterne la stagione del toscano Alessio Santini, campione uscente, e del reggiano Marco Croda, entrambi su Clio S1600, il che ha permesso a Franco Galeazzi di scavalcarli, nel finale, al secondo posto di categoria della serie, con la sua Citroen C2.

CLASSE N3/R2C/FN3

Terra di conquista ancora una volta per il pilota di Santa Croce sull’Arno Michele Rovatti che ha vinto in pratica sempre, meno che la Maremma, come nelle ultime due stagioni, staccando gli avversari più agguerriti Amorisco, Rocca e Cassarini.

Per Rovatti e la sua Renault Clio Rs Light anche la vittoria, come già nel 2009, nel Trofeo CorriConClio.

CLASSE N2/R1B/FN2

E’ Jacopo Lucarelli, giovane pilota di Empoli, in Toscana, il campione di questa classe mista, che ha dominato, aggiudicandosi il titolo in anticipo,  con la Citroen Saxo Vts. Vincitore al rally del Taro e al Casentino, Lucarelli ha conquistato un secondo posto al Valli Cuneesi, il che gli è bastato per tenere sotto controllo la concorrenza, con l’elbano Federico Zini secondo alla fine.

CLASSE N1/R1A/FN1

Campione è il bolognese Michele Modugno e la sua Mg Zr 105, vincitore al rally Abeti, al Casentino e al Valli Cuneesi. Tre ritiri invece per l’unico rivale in campionato l’aretino Andrea Picchetta, che dopo il rally del Casentino ha dovuto abbandonare la lotta.

CLASSE A6/R2B/FA6

Il sammarinese William De Angelis, motociclista passato alla quattro ruote,  ha messo le mani sul titolo in anticipo, con la Citroen C2 R2 Max. Il pilota del Titano ha avuto un irriducibile avversario nel giovane pesarese Simone Pontellini, vincitore in tre gare ma con tre ritiri che gli hanno compromesso la corsa al titolo. Pontellini comunque conserva un eccellente tredicesimo posto assoluto al rally Maremma, ottenuto con la Peugeot 106. Terzo si è piazzato l’emiliano Giovanni Giaquinto (Citroen C2), che si è aggiudicato il titolo nello Challenge Forze di Polizia.

CLASSE A5/FA5

Il pistoiese Riccardo Baroncelli, con la sua Fiat Panda, dopo il ritiro al rally del Taro, ha vinto tra gli iscritti Irc al rally Abeti e al Casentino. Tanto gli è bastato per far suo il titolo dl categoria, con una concorrenza praticamente azzerata.

You may also read!

IL MONTEPREMI DELLA 10^ RONDE DI SPERLONGA®

IL MONTEPREMI DELLA 10^ RONDE DI SPERLONGA® A due giorni dalla chiusura delle iscrizioni, l’organizzazionerende noto il valore aggiunto della

Read More...

Il Rally di Monza è…..negli ultimi anni è un interrogativo

Il Rally di Monza è…..negli ultimi anni è un interrogativo Il Rally di Monza è……spettacolo , gara , forse

Read More...

ANCHE QUEST’ANNO AUTONOMY E JEEP HANNO ADERITO ALLA “GIORNATA INTERNAZIONALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ”

ANCHE QUEST’ANNO AUTONOMY E JEEP HANNO ADERITO ALLA “GIORNATA INTERNAZIONALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ” Cinque ragazzi #a bordo di cinque Jeep

Read More...

Mobile Sliding Menu